Benvenuto ti trovi in: Home Page -> Comune Informa
Mercoledì, 18 Luglio 2018

Ultime News

Venerdì, 5 Gennaio 2018
Recital “Armonie Natalizie tra classico e popolare”: Venerdì 5 Gennaio 2018, ore 19.00, chiesa di San Paolo

Fondi, 5 Gennaio 2018

AGLI ORGANI DI STAMPA

 

Si svolgerà alle ore 19.00 di oggi, Venerdì 5 Gennaio, nella chiesa di San Paolo a Fondi il Recital “Armonie Natalizie tra classico e popolare”, che si propone la promozione delle tradizioni popolari attraverso la musica e la presentazione di testi specifici nel periodo delle festività natalizie, in cui maggiore è la sensibilità ai valori di solidarietà, di pace, di valorizzazione delle radici e dell’identità culturale.

L’iniziativa è promossa da Regione Lazio, Sistema Bibliotecario Sud Pontino e Comune di Fondi in collaborazione con l’Associazione Musicale Ferruccio Busoni.

Già rappresentato con grande consenso il 17 Dicembre scorso presso la chiesa parrocchiale del Salto di Fondi, “Armonie Natalizie tra classico e popolare” è un incontro musicale-letterario su tema natalizio, dove compositori classici vanno a rapportarsi con il repertorio popolare, patrimonio culturale immateriale del Sud Pontino, ex provincia di Terra di lavoro, con la riscoperta di strumenti tipici quali zampogna, ciaramella e tamburello e delle musiche legate alla tradizione agro-pastorale del territorio.

La parte musicale del progetto sarà svolta da musicisti che, nel loro genere, rappresentano le eccellenze del nostro territorio: la parte classica è affidata al Maestro Gabriele Pezone, concertista direttore d’orchestra con un’attività musicale a livello internazionale, mentre il repertorio popolare sarà a cura del gruppo di musica popolare “Briganti dell’Appia”, formato da ricercatori/musicisti che da anni operano sul territorio con la produzione di testi, conferenze ed un’intensa attività concertistica in Italia e all’estero.

La parte letteraria del Recital è tratta dal testo “Mò vene Natale: la tradizione natalizia e la musica popolare” di Pierluigi Moschitti, primo premio delle Regioni storiche INARS 2006.