Benvenuto ti trovi in: Home Page -> Comune Informa
Mercoledì, 17 Ottobre 2018

Ultime News

Martedì, 5 Giugno 2018
Il Sindaco De Meo ha designato Felice Petrillo quale rappresentante del Comune nel Consiglio di Amministrazione della società MOF SpA

Fondi, 5 Giugno 2018

AGLI ORGANI DI STAMPA

 

Con decreto n°18 del 4 Giugno u.s. il Sindaco di Fondi Salvatore De Meo ha designato l’avvocato Felice Petrillo quale rappresentante del Comune nel Consiglio di Amministrazione della società MOF SpA.

Nato a Fondi nel 1978, già socio e amministratore dell’azienda familiare, Petrillo è dal 2011 Consigliere e Vice Presidente della Società Cooperativa Agricola La Flacca e dal 2015 Presidente del Consiglio di Amministrazione della A.O.P. Luce, Società Consortile Agricola per Azioni con sede in Fondi. Ha pertanto acquisito una lunga esperienza nel settore agroalimentare, con particolare riferimento agli aspetti giuridici e gestionali connessi alla quotidiana attività lavorativa che si confronta con lo scenario nazionale e in modo particolare con la grande distribuzione organizzata.

«Con la scelta dell’avvocato Petrillo – dichiara il Sindaco De Meo – si esplicita l’impegno del Comune di Fondi in questo delicato momento del MOF. Sono convinto che, unitamente agli altri amministratori, egli saprà dare ulteriore forza alle attività di ristrutturazione societaria e contestuale rilancio. La nomina è stata presentata nel pomeriggio di ieri in assemblea con la premessa che il Comune intende rivendicare un ruolo propositivo e di stimolo, soprattutto in una particolare fase societaria dove il confronto tra soci, a prescindere dalle rispettive partecipazioni azionarie, deve essere prioritario nell’interesse del complessivo sistema MOF. A riguardo, in occasione dell’assemblea tenutasi ieri, ho chiesto al Presidente Quattrociocchi di farsi parte attiva presso la Regione Lazio, altro socio pubblico, per la convocazione di un incontro urgente tra tutti i soci per definire nel più breve tempo possibile termini e modalità dell’atto di transazione tra la Regione Lazio e la IMOF, propedeutico alla successiva procedura di fusione per incorporazione. Tale incontro non è più rinviabile, in ragione di una situazione finanziaria comunque delicata. Sebbene sia stata scongiurata la procedura esecutiva immobiliare, sussistono infatti ulteriori criticità che potrebbero compromettere la prosecuzione societaria».